Sport senza frontiere onlus per l’integrazione sociale e il diritto allo sport

Sport Senza Frontiere incontra Papa Francesco!

 

Un anno sportivo si chiude e mentre i nostri bambini si preparano per i centri estivi, noi tiriamo le somme di un anno di crescita per Sport Senza Frontiere: 334 bambini inseriti in 24 diverse discipline sportive e l’apertura del progetto a Napoli. Abbiamo inoltre esportato per la prima volta il nostro modello d’intervento fuori dall’Italia, a Buenos Aires con il Boca Junior e il Boca Social. Sicuramente abbiamo chiuso l’anno alla grande, grazie all’incontro con una persona speciale che ha benedetto il nostro progetto: Papa Francesco!

A riguardare le fotografie non sembra ancora vero. E’ stata davvero una grande emozione!
Portati dalle onde” è lo slogan significativo della quarta edizione del ‘Treno dei bambini’, l’iniziativa del Cortile dei Gentili, struttura del Pontificio Consiglio della Cultura, realizzata in collaborazione con le Ferrovie dello Stato italiane. Sabato 28 Maggio, 400 bambini provenienti dalle scuole della Calabria e Sicilia, terra dove si vive quotidianamente l'accoglienza dei migranti, sono arrivati a San Pietro e hanno trovato i nostri bambini ad accoglierli ed insieme sono andati a parlare con Papa Francesco. Nella gallery fotografica vedete la nostra Saba, nostra allieva modello che pratica il Pentathlon Moderno ormai da 6 anni, che ha consegnato la maglietta di Sport Senza Frontiere al Pontefice.
“Grazie per quello che fate Santo Padre, ci date molta forza” – ha detto Alessandro Tappa Presidente di Sport Senza Frontiere “ Sono io che rigrazio voi per quello che fate” ha risposto Papa Francesco…
E così con l’emozione che ancora ci stringe la gola, festeggiamo la chiusura dell’anno sportivo 2016. Ringraziando il Cortile dei Gentili e Padrea Mazas per averci regalato questo incontro.

Ringraziamo tutti voi che ci avete seguito e sostenuto davvero in modo speciale  in quest’anno importante e difficile. Cresce il progetto crescono le responsabilità e anche le difficoltà. Ma ormai siamo una grande famiglia e sappiamo che possiamo contare sul supporto di tanti amici. Ringraziamo le aziende che stanno sempre più credendo in noi, le Fondazioni grazie alle quali abbiamo potuto avviare il progetto FOR GOOD Sport è benessere. E grazie al gruppo di volontari e ai nostri coordinatori che ormai si fanno in quattro in tutti i modi per far sì che questo progetto sia sempre più solido e funzionante. Non siamo soli e lo sappiamo!

W SPORT SENZA FRONTIERE