Sport senza frontiere onlus per l’integrazione sociale e il diritto allo sport

La Storia

Sport Senza Frontiere nasce dall'iniziativa di professionisti e dirigenti tutti provenienti da ambiti diversi e con  compentenze professionali che spaziano dal mondo dello sport, a quello manageriale e della formazione; da quello dell'arte e della comunicazione, a quello sociale; da quello finanziario a quello industriale. In particolare il primo nucleo del progetto nasce all'interno dell'Athlion Roma Pentathlon Moderno (una società che da 25 anni opera nel settore sportivo ed educativo).

Nel dicembre 2009 la S.S.D. Athlion Roma Pentathlon Moderno organizza in collaborazione con Contrasto, Reuters e la Comunità di Sant'Egidio il primo evento di raccolta fondi tramite l'organizzazione di una mostra fotografica sullo sport e la successiva vendita all'asta delle foto. Da questo momento in poi inizia la storia di Sport Senza Frontiere che nel 2011 diventa ONLUS. Con i proventi dell'asta infatti prende avvio il "Progetto Sport Senza Frontiere", un'iniziativa per l'integrazione sociale e il diritto allo sport, rivolto ai minori in condizioni di disagio residenti nella periferia nord di Roma.

095

Sopra la meravigliosa squadra dell'Athlion e sotoo nostri primi bambini inseriti nell'Athlion Roma Pentathlon Moderno:

 

116087

Questi bambini oggi sono degli adolescenti. E S. (a destra) è diventata negli anni una bravissima atleta di Pentathlon!

L'evento di raccolta fondi si ripete nel dicembre 2010 e con maggior successo. Con i fondi raccolti si riesce a dare continuità al progetto e a potenziare l'intervento socio-educativo, il cui fulcro operativo è il Centro Sportivo del'Università "La Sapienza" di Viale Tor di Quinto gestito dal CUS Roma.

Considerata l'efficacia e i risultati prodotti dall'intervento e le necessità crescenti da parte del territorio (scuole, famiglie, associazioni del settore), il 23 maggio 2011 nasce Sport Senza Frontiere Onlus.

Sport Senza Frontiere inizia con 5 bambini inseriti nei corsi di Pentatlhon Moderno a Roma. Oggi ne seguiamo oltre 400 in diverse citta' italiane.