Sport senza frontiere onlus per l’integrazione sociale e il diritto allo sport

COME INTERVENIAMO

Selezione dei beneficiari – I bambini e i ragazzi vengono individuati e selezionati tramite i nostri canali: la Comunità di Sant’Egidio, i servizi sociali, le scuole del territorio ed i centri di assistenza.

Mediazione culturale – Dialoghiamo con le famiglie e con i bambini, valutando le loro condizioni e motivazioni, ipotizzando il percorso sportivo più idoneo. A seconda delle realtà che incontriamo, ci avvaliamo della collaborazione di mediatori culturali e/o di operatori psicopedagogici.

La rete di SSF – Costruiamo una rete di Associazioni e di Impianti Sportivi che sposando la nostra mission, si rendono disponibili ad accogliere gratuitamente i bambini integrandoli nei loro corsi. Individuiamo fra loro l’organizzazione che più si adatta all’esigenza, privilegiando l’aspetto della vicinanza geografica.

Logistica – Qualora vi fosse l’impossibilità della famiglia di accompagnare il bambino, ci occupiamo del trasporto con la nostra task force di pulmini, autisti e accompagnatori e/o con le macchine dei nostri volontari oppure attivando partnership e convenzioni per il servizio trasporto.

Tutoraggio – Il nostro coordinatore sul campo segue il bambino da vicino nei primi allenamenti, favorendone l’inserimento nelle squadre e interagendo con gli istruttori. Se l’inserimento è positivo, il bambino viene iscritto alla Società Sportiva ed inizia a frequentare il corso regolarmente.

Abbigliamento e attrezzature – Dove prevista una divisa sociale o del materiale sportivo specifico, provvediamo noi a fornirlo o ad acquistarlo.

Tutela della salute – Ove si rende necessario, provvediamo all’assistenza sanitaria mediante visite specialistiche per il rilascio dei certificati medici necessari di buona salute per la pratica dello sport o ai certificati di idoneità all’attività agonistica.

Controllo e monitoraggio – attraverso un protocollo di monitoraggio che prevede incontri periodici tra il nostro team di psicologi, neuropsichiatri, mediatori interculturali, coordinatori ed istruttori sportivi, analizziamo e valutiamo il percorso di ogni singolo bambino e adolescente. L’andamento dell’attività sportiva e il livello di inclusione sociale del minore, vengono riportati sulle schede di monitoraggio validate dal nostro Comitato Tecnico Scientifico. Le schede, opportunamente rese anonime per la tutela della privacy, rimangono a disposizione per essere consultate da terzi in un’ottica di condivisione, trasparenza e affidabilità del nostro programma di intervento. I dati vengono raccolti e comparati per verificare l’efficacia e l’esito del progetto in collaborazione con le Università ed Enti coinvolti.